Il portale per la Polizia Municipale dei piccoli comuni italiani
Leggi e decreti
Circolari Ministeriali
Corte Costituzionale
Cassazione Civile
Decreto del Prefetto
Corte dei Conti
Giudici di Pace
Ministero dell'Interno
Ministero Trasporti
Polizie locali-Prefetture
Patente a Punti
Codice della Strada
Importo sanzioni
Dispositivi Tecnici
Approfondimenti
Consultazione verbali
Editoriali
Forum
Iscrizione Newsletter
L'esperto risponde
Pubblicità
Home

Ricerca nel sito:
 
EVENTI DA NON PERDERE
 Evento
Non ci sono eventi da segnalare in questo momento
INFORMAZIONI AGLI UTENTI
 Consultazione verbali
Accedi alle informazioni sul verbale che hai ricevuto dai Comuni convenzionati col servizio gestito dalla Euten Srl.
 Patente a punti
Modulo di comunicazione dati del conducente, si può stampare e compilare pronto per l`invio al Comando di P.M.
 Ricorsi avverso verbali CdS
Prospetto riassuntivo delle procedure concernenti le violazioni al codice stradale ed i possibili ricorsi.


 

Parere Ministero delle infrastrutture e dei trasporti 01/10/2008 prot.77929
Pagamento delle sanzioni in misura ridotta direttamente presso lo sportello cassa dell'ufficio da cui dipende l'agente accertatore (V.s. nota prot. n. 0029272 del 15.07.2008)

Con riferimento alla nota in oggetto, si puntualizza quanto segue.

L’art. 202, comma 2, del Codice della strada cita “Il trasgressore può corrispondere la somma dovuta presso l'ufficio dal quale dipende l'agente accertatore oppure a mezzo di versamento in conto corrente postale oppure, se l'amministrazione lo prevede, a mezzo di conto corrente bancario. Omissis “. L’art. 387, comma 1, del D.P.R. 495/1992 ( Regolamento di esecuzione e attuazione al Codice della strada ) prevede che “ Per ogni pagamento in misura ridotta effettuato nel termine, viene compilata e rilasciata apposita quietanza dall'organo al quale è effettuato. Per i pagamenti effettuati a mezzo posta o banca, valgono le ricevute dei rispettivi versamenti”.

Anche dalla sola interpretazione letterale della normativa in esame, appare chiaro come il Legislatore abbia individuato diverse alternative da adottare circa la procedura e la modalità di pagamento delle sanzioni amministrative in materia di circolazione stradale, non fissando, tra l’altro alcun ordine di preferenza tra le varie ipotesi richiamate dalla medesima norma.
Semmai, il Legislatore, ha voluto escludere esplicitamente qualsiasi altra procedura di pagamento non contemplata dall’articolo citato.
Pertanto, in merito ai contenuti della normativa – attualmente vigente – sopra citata, si evince come sia possibile procedere al pagamento dell’infrazione direttamente anche presso l’organo accertatore, che a sua volta ha l’obbligo di rilasciare apposita quietanza del medesimo pagamento.
E’ evidente, peraltro, che è attribuita agli Enti locali la discrezionalità sulla scelta della procedura di pagamento da adottare, sulla base della propria realtà locale ed in virtù di quelle esigenze organizzative legate alla migliore funzionalità del servizio nonché al miglioramento dell’efficienza gestionale e dell’economia di spesa, sempre e comunque in conformità alle disposizioni dettate dalla normativa vigente.


Indietro
 
  Disclaimer | Copyright ®